If you are looking for high resolution photos, please get in touch with us by email at music@violipiano.it and we will send you the link.
logo

Luca Ciarla si esibisce a Palazzo Strozzi di Firenze per Strings City in una delle sale che ospita la mostra di Marina Abramović

Luca Ciarla si esibisce a Palazzo Strozzi di Firenze per Strings City in una delle sale che ospita la mostra di Marina Abramović

Dopo un lungo tour che lo ha visto impegnato per più di un mese negli Stati Uniti, Canada, Messico e Guatemala, il violinista jazz Luca Ciarla torna ad esibirsi in Italia. Sabato primo dicembre suonerà a Palazzo Strozzi di Firenze per la terza edizione di Strings City, straordinario festival interamente dedicato agli strumenti a corde. Sono previste tre performance (alle 20:30, 21:30 e 22:30) in una delle sale che ospita la mostra di Marina Abramović. Dopo gli ultimi concerti a Washington DC, Chicago, Toronto, Mexico City, Guatemala City, Las Vegas, San Francisco, Portland, Seattle e Montreal, Luca Ciarla porterà la sua solOrkestra in uno dei spazi più affascinanti, Palazzo Strozzi, di una delle città più belle del mondo, Firenze. Particolarmente interessante sarà poi il possibile connubio tra le ambientazioni della mostra di Marina Abramović e le improvvisazioni al violino di Luca Ciarla, da sempre affascinato dall’incontro tra musica e arti visive.

Strings City è una iniziativa del Comune di Firenze, curata da Tommaso Sacchi, capo segreteria cultura e curatore dell’Estate Fiorentina, a cura della Scuola di Musica di Fiesole, con Conservatorio di Musica Luigi Cherubini, Maggio Musicale Fiorentino e Orchestra della Toscana, con la partecipazione di Amici della Musica Firenze e Orchestra da Camera Fiorentina e con Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana e Tempo Reale, il contributo della Città Metropolitana di Firenze, il sostegno di Fondazione CR Firenze e di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, il supporto di Trenitalia, vettore ufficiale del festival, la media partnership di Rai Radio Classica e la collaborazione di New York Film Academy che curerà la documentazione video del festival.

Comments are closed.